Rallentare. Il vino ce lo insegna da sempre

Rallentare.

Questo il vino ce lo insegna da sempre. 

Aprire una bottiglia significa premere un pulsante.

[Pausa]

Il tempo si ferma e scegliamo di abbassare la guardia rispetto al mondo che ci circonda. 

In questi giorni di ritorno alla semplicità e di ritmi umani, ci sentiamo come ingabbiati. Ma la cosa strana è che probabilmente impareremo ad apprezzare il tempo. 

E degustare ha sempre significato rispetto del tempo, quello concesso a noi stessi e al vino che stiamo per approcciare. Un corteggiamento che vede l’uomo disposto ad aspettare che il vino si conceda alla conoscenza, si apra e lasci scoprire il suo carattere, la sua storia, il suo mondo.

Che i due si piacciano o meno, poi, è un’altra storia. Ma il vino ci insegna anche a non cadere nel tranello dei giudizi guidati dai gusti personali. Ci insegna ad apprezzarlo nella sua interezza, per la sua natura. 

Perché il vino è pensiero e memoria. 
Amplifica i sensi: guardare diventa osservare, sentire diventa ascoltare. 

E poi da una degustazione ne si esce sempre felici, coinvolti, migliori. Consapevoli che il tempo non ci è sfuggito di mano, ma siamo forse riusciti a fermarlo, per apprezzarlo appieno. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *