Minardi - Produttore selezionato da Winey. Direttamente a casa tua tre bottiglie prodotte da vignaioli autentici.
Noi e i nostri partner utilizziamo i cookie per personalizzare la tua esperienza e per scopi di misurazione e analisi. Utilizzando il nostro sito Web e proseguendo la navigazione di questa pagina accetti l'uso dei cookie come descritto nella nostra Cookie Policy. OK
×
Minardi
La chiamano "figlia del vento", Pantelleria. Uno scampolo di terra incastonato nel Mediterraneo, spazzato dal Maestrale e inumidito dallo Scirocco, arso dal Sole e corroso dal sale. Un'isola che è un sogno inedito, un crocevia di uomini, natura ed emozioni. Qui, sulla sponda nord, a contrada Karuscia, la famiglia Minardi porta avanti dal 1940 una passione comune, quella per le proprie origini e la propria terra. É la più antica cantina tra quelle oggi operanti a Pantelleria, ed è tra le pochissime che esegue sull’isola, nella cantina di contrada Karuscia, tutta la filiera produttiva.É un processo molto lento e lungo, ma a loro, in fondo, va benissimo così. Attendono i tempi della natura senza pretendere di forzarli o mutarli. Gli ingredienti dei loro vini sono il sole, il vento e la terra scura di quest’isola che amano e rispettano e sulla quale vinificano ormai da 80 anni, quando Leonardo Minardi prima, e suo figlio Andrea dopo cominciarono a produrre i propri vini.

Spesso l'espressione viticoltura eroica è abusata. Ma non qui. La coltivazione delle uve Zibibbo, vitigno che da vita uno dei vini più affascianti al mondo, ovvero il Passito di Pantelleria, è Patrimonio dell'Unesco dal 2014. La vendemmia la si fa inginocchiati, perché l'alberello è una vite praticamente rasoterra, resistente al caldo e ai venti. Ciò che ne viene fuori è letteralmente oro giallo, il colore è quello del sole, la dolcezza è nient'altro che lei: Pantelleria.
P.S. Le etichette sono tutte opera dell'artista contemporaneo Damiano Ferrara .
Perché è in Winey? remove
Non ci si innamora così facilmente. E soprattutto non ci si innamora con l'uso della ragione. I vini della famiglia Minardi ci sono entrati dritti nel cuore, sono un gioiello da preservare, un tesoro prezioso dell'estremo sud. Grazie per quello che fate!
La cantina add
Anno di fondazione
1940
Patron
Famiglia Minardi
Conduzione enologica
Proprietaria
Ettari vitati
5
Bottiglie prodotte
20000
Indirizzo
Via Campobello, 86, 91017 Pantelleria TP
Email
info@viniminardi.it
Telefono
I vini selezionati
Nardino 2018
Moscato di Pantelleria
Sull'etichetta tre gocce rosse si susseguono in mezzo all’oro, segno di riconoscenza, e al rosso rubino, segno di amore verso Pantelleria e verso Leonardo Minardi: Nardino, appunto. Questo Moscato non viene vinificato tutti gli anni. Il 2018 doveva essere l'anno del passito, ma un improvviso peggioramento delle condizioni meteo non avrebbe consentito il migliore appassimento delle uve. Si decise così, per uno scherzo del destino, di adattare il lavoro in cantina a quello che la natura aveva in serbo. E per fortuna diremmo oggi!
Annata
2018
Bottiglie prodotte
4000
Tipologia
Passito
Denominazione
Moscato di Pantelleria
Vitigni
Zibibbo 100%
Alcol
14°
Affinamento
Acciaio e Bottiglia
Note di degustazione
Giallo dorato. Al naso si presenta con sentori di albicocca matura, miele di zagara e caramello. Al gusto è piacevolmente dolce, equilibrato con un finale decisamente ammandorlato. Buona persistenza.
Karuscia 2015
Passito di Pantelleria
Karuscia è un concentrato di Mediterraneo, è il risultato della resilienza di chi ama smisuratamente la propria storia. Viene ottenuto dalla vinificazione di una base di vino secco della stessa vendemmia, nel quale sono state messe a macerare, nel mese di settembre le uve precedentemente appassite. L'etichetta è nera come Pantelleria. L'artista Damiano Ferrara ha voluto rappresentare tutti gli elementi che concorrono alla sua nascita: lo zibibbo, il caldo sole africano, il vento e il mare.
Annata
2015
Bottiglie prodotte
2000
Tipologia
Passito
Denominazione
Passito di Pantelleria
Vitigni
Zibibbo 100%
Alcol
14.5°
Affinamento
4 anni in acciaio
Note di degustazione
Giallo dorato intenso. Profumo persistente con sentori di albicocca, fico secco, datteri e scorza candita. Sapore dolce, caldo, di buon struttura e complessità. Retrogusto con finale ammandorlato. Di buona persistenza.
Karuscia 2012
Passito di Pantelleria
Karuscia è un concentrato di Mediterraneo, è il risultato della resilienza di chi ama smisuratamente la propria storia. Questa annata è stata ottenuta dalla vinificazione di uve appassite durante il mese di agosto (Passolata), metodo che si utilizza nelle annate migliori. La sua etichetta è nera come Pantelleria. L'artista Damiano Ferrara ha voluto rappresentare tutti gli elementi che concorrono alla nascita del Passito: lo zibibbo, il caldo sole africano, il vento e il mare.
Annata
2012
Bottiglie prodotte
5000
Tipologia
Passito
Denominazione
Passito di Pantelleria
Vitigni
Zibibbo 100%
Alcol
14.5°
Affinamento
4 anni in acciaio
Note di degustazione
Giallo dorato tendente all’ambra. Profumo persistente ed etereo, con sentori di cannella, spezie, fico secco, miele di zagara, confettura, si riconoscono note di liquirizia e tabacco. Al palato sentori di spezie, carrubo, con note balsamiche e dal finale ammandorlato. Persistente.
Prova la Wine Box di Ottobre