Casa di Baal - Produttore selezionato da Winey. Direttamente a casa tua tre bottiglie prodotte da vignaioli autentici.
Noi e i nostri partner utilizziamo i cookie per personalizzare la tua esperienza e per scopi di misurazione e analisi. Utilizzando il nostro sito Web e proseguendo la navigazione di questa pagina accetti l'uso dei cookie come descritto nella nostra Cookie Policy. OK
×
Casa di Baal
Affiliato
Si percorre una viottolo incantato, a destra uliveti, a sinistra i vigneti. La strada poi finisce e inizia il sogno: Casa di Baal. Un'azienda agricola che nasce da una realtà familiare centenaria fatta di agricoltori, di amore e di dedizione per la terra e i suoi frutti. Un connubio di tradizione e vitalità giovanile tra Annibale, Anna e ben cinque figli. Francesca è una di loro e ci ha raccontato con grande passione la storia di Casa di Baal. Gli studi universitari e le brillanti carriere nei rispettivi settori li avevano allontanati dalla loro terra d'origine. Ma il richiamo è stato più forte. Hanno deciso di tornare dove papà Annibale e mamma Anna li aspettavano: a casa, in questo fazzoletto di terra cilentana, giusto al centro tra la Costiera Amalfitana, il Parco del Cilento e le colline dell'Irpinia. 


Casa di Baal (ovvero “Casa di Annibale”), rappresenta un omaggio dei figli al padre Annibale e il simbolo dell’azienda, un elefantino, richiama proprio l’impresa dell'abile generale cartaginese. Qui si adotta da sempre uno stile di vita basato sull’autosufficienza, dove tutto quello che viene consumato è esclusivamente prodotto in azienda: dall'olio alla frutta, dal vino alla verdura. I 30 ettari di terreno - di cui 5 sono vitati – guardano verso il mare e dal mare traggono tutto ciò che è in grado di offrire. Oggi Casa di Baal produce 28.000 bottiglie l'anno in regime Biologico certificato, "quando il tempo ci sorride", aggiunge Francesca. Principalmente Aglianico e Fiano, ma anche piccole quantità di Falanghina, Merlot e Barbera.
Qui non manca nulla, ma c'è l'essenziale. Questo basta. 

Perché è in Winey? remove
Non si può restare indifferenti dinanzi al concetto di vita essenziale, al significato antico di famiglia, all'abbraccio di una casa accogliente. Quando siamo stati ospiti di Francesca ci siamo sentiti semplicemente bene. I prodotti eccellenti (e biologici) hanno fatto la loro parte, ma  le emozioni non erano solo dentro a un calice, erano tutte intorno a noi.
La cantina add
Anno di fondazione
2006
Patron
Anna Maria Corrado
Conduzione enologica
Annibale Salerno
Ettari vitati
5
Bottiglie prodotte
28000
Indirizzo
Via tiziano, 14 - 84096 Fraz. macchia di Montecorv
Email
info@casadibaal.it
Telefono
089981143
I vini selezionati
Biologico
Rosso di Baal 2018
Colli di Salerno IGT BIO
Questo vino ha un significato enorme per Annibale e la sua famiglia. È stato il primo vino prodotto con il marchio Casa di Baal, ottenuto dalle uve da sempre presenti in azienda. Francesca ci ha raccontato che ci sono dei filari di vigna dedicati solo a questo vino, nel senso che le parti di Aglianico, Merlot e Barbera che vanno a comporre Rosso di Baal sono una accanto all'altra, come se fossero già dalla nascita un'unica entità. Tre vitigni che danno vita a un vino gustoso, spontaneo e dal ritmo dinamico. Dal primogenito d'azienda non ci si può che aspettare un sussulto di gioia, un sorso felice.
Annata
2018
Bottiglie prodotte
6000
Tipologia
Rosso
Denominazione
Colli di Salerno IGT BIO
Vitigni
Aglianico, Barbera e Merlot
Alcol
12.5°
Affinamento
Acciaio e Cemento
Note di degustazione
Colore rosso rubino intenso, al naso esplode un tripudio di frutta rossa fresca. Al palato è morbido e croccante
Biologico
Fiano di Baal 2018
Colli di Salerno IGT BIO
Un Rosso vestito di bianco. Questa è l'impressione che si ha quando ci si trova davanti il Fiano di Baal. Struttura, aromaticità, straordinaria finezza e grande longevità: sono le note che compongono lo spartito magistralmente diretto ed eseguito da Francesca. Lei al Fiano ci è particolarmente affezionata, un po' per la sua storia dalle origini Latine quando veniva chiamato con il nome di "Vitis Apiana"; un po' perché è semplicemente il suo vitigno del cuore e se ne prende cura con amore. Ma dentro questo Fiano c'è anche tutta la tipicità della costa salernitana: è un ritratto esemplare del territorio da cui prende vita.
Annata
2018
Bottiglie prodotte
6000
Tipologia
Bianco
Denominazione
Colli di Salerno IGT BIO
Vitigni
Fiano
Alcol
12.5°
Affinamento
Acciaio
Note di degustazione
Colore giallo paglierino. I suoi aromi ricordano la pesca bianca e la mela annurca, il miele di acacia ed i fiori di camomilla. Sapido, minerale, fresco, di lunga prospettiva. Bocca piena, appagante e dissetante.
Biologico
Oro di Baal
VSQ Metodo Classico BIO
Il vero figlio prediletto di Casa di Baal. Questo elegantissimo Metodo Classico Pas Dosè nasce dalla voglia di Francesca di colmare un vuoto che piano piano anche altre (poche) aziende campane stanno cercando di riempire, ovvero regalare a questa regione la produzione di Metodo Classico che merita. Le uve Fiano erano particolarmente indicate per la spumantizzazione, e allora perché non provarci? Ed eccoci qua: 30 mesi sui lieviti, Remuage e Degorgement completamente manuali, 12 mesi in bottiglia. Così nasce Oro di Baal, un esempio vincente di come la Campania possa esprimere grandi bollicine.
Annata
Sans année
Bottiglie prodotte
2000
Tipologia
Spumante
Denominazione
VSQ Metodo Classico BIO
Vitigni
Fiano
Alcol
12.5°
Affinamento
30 mesi sui lieviti
Note di degustazione
Di colore paglierino dorato con perlage fitto e fine. All' olfatto fiori bianchi, cedro, albicocca e crosta di pane. Bocca sferzante di freschezza, salino, armonico e persistente.
Prova la Wine Box di Luglio