La Campore - Produttore selezionato da Winey. Direttamente a casa tua tre bottiglie prodotte da vignaioli autentici.
Noi e i nostri partner utilizziamo i cookie per personalizzare la tua esperienza e per scopi di misurazione e analisi. Utilizzando il nostro sito Web e proseguendo la navigazione di questa pagina accetti l'uso dei cookie come descritto nella nostra Cookie Policy. OK
×
La Campore
“Terra d’incanti”. Così Giuseppe Giocosa in “Il Conte Rosso” descriveva il Canavese, territorio ricco di laghi, valli e castelli al confine tra il torinese, il biellese, il vercellese e la Valle d’Aosta.

È in questa terra d’incanti che nel 1974 la Famiglia Fiamenghi di Saronno acquista un vecchio rustico di proprietà dei Conti di Valpegna di Masino, lo ristruttura e si dedica alla cura di quello che sarà il primo vigneto del progetto La Campore. Negli anni Novanta si producono le prime bottiglie di Erbaluce e nel 2003 si costruisce la cantina di vinificazione. Alessandro Gabriele ci ha raccontato minuziosamente ogni singolo aspetto che ha a che fare con la spasmodica cura dei vigneti, con il lavoro poco interventista in cantina, con la voglia di affermazione di una piccolissima DOCG. 

Così, quello che inizialmente era nato come uno svago del fine settimana, si è rivelato nel tempo un progetto dalle enormi potenzialità. Ed è dalla scelta consapevole di ritorno alle origini, unita all’amore incondizionato per il territorio del Canavese e al ricordo delle persone che per prime hanno creduto in tutto questo, che La Campore desidera rappresentare un importante tassello per la vitalità enologica locale. Basterebbe fare una passeggiata nel vigneto per rendersene conto. Ornato da rose e alberi da frutto, dona la percezione di attraversare un'oasi di quiete, un giardino fertile dove a fare da sfondo ai vigneti coltivati in forma tradizionale a pergola, c’è un paesaggio mozzafiato che dal torinese si estende fino alle Alpi. Se entrate nel Castello adiacente ai loro appezzamenti, e dove affina il loro Metodo Classico, vi sembrerà tutto un bellissimo incantesimo. 

Perché è in Winey? remove
Genuinità, rispetto delle ticipicità del territorio e competenza da vendere. Sono questi i pilastri portanti della filosofia vitivinicola di La Campore. Da questi tre principi anche noi siamo rimasti rapiti e non potevamo fare altro che farvi apprezzare un piccolo pezzo del loro giardino.
La cantina add
Anno di fondazione
1974
Patron
Alessandro e Alberto Gabriele
Conduzione enologica
Alessandro e Maurizio Forgia
Ettari vitati
5
Bottiglie prodotte
20
Indirizzo
Via Cascina Campore 1; fraz. Di Caravino (TO)
Email
la_campore@tiscali.it
Telefono
0125778484
I vini selezionati
Biologico
Erbaluce di Caluso DOCG 2019
Erbaluce di Caluso
Ci troviamo di fronte al vitigno più rappresentativo del Canavese: l’Erbaluce, un vino che fa delle note vegetali e piacevolmente minerali il suo punto di forza. Nasce del 2007 nelle storiche cantine del castello di Masino, selezionando solo uve Erbaluce delle vigne più alte, a 500 m di altezza, con età di 20-40 anni. Un vino dal corredo aromatico caratterizzato da note di frutta verde, sentori erbacei e note spiccatamente vegetali. Un vino semplice ma estremamente efficace nella sua semplicità, da apprezzare prevalentemente in gioventù per premiare la sua impronta vegetale, fresca e conviviale
Annata
2109
Bottiglie prodotte
7000
Tipologia
Bianco
Denominazione
Erbaluce di Caluso
Vitigni
Erbaluce
Alcol
12°
Affinamento
Acciaio
Note di degustazione
Colore giallo paglierno, sapido e fruttato sia al naso che in bocca, eccellente freschezza e carattere
Biologico
Canavese Nebbiolo 2018
Canavese Nebbiolo
Siamo di fronte ad un Nebbiolo atipico, che si distingue dal classico nebbiolo di Langa (o del Roero) per l'attenzione che si rivolge al frutto, vero protagonista della scena, lasciando che l' austerità e le durezze siano in secondo piano, a completare il profilo organolettico.

Un vino che fa della piacevolezza la sua arma di seduzione, che conquista l'olfatto con sentori di frutta, fiori e foglie secche. Una piacevolezza che non rinuncia alla struttura - tipica del Nebbiolo - che ne permette l’abbinamento con piatti piuttosto complessi oltre che una buona prospettiva in termini d’invecchiamento.

Annata
2018
Bottiglie prodotte
3200
Tipologia
Rosso
Denominazione
Canavese Nebbiolo
Vitigni
Canavese nebbiolo
Alcol
13.5°
Affinamento
Legno
Note di degustazione
Colore rosso rubino, intenso al naso e robusto in bocca, sentori di rosa canina e frutta rossa, molto persistente ed intenso.
Biologico
Erbaluce di Caluso MC 2017
Erbaluce di Caluso DOCG
La prima produzione di Erbaluce di Caluso DOCG nasce del 2007 nelle storiche cantine del castello di Masino, selezionando solo uve Erbaluce delle vigne più alte, a 500 m di altezza, con età di 30 anni. Il vigneto è trattato affinchè le uve possano estrarre il massimo dal terreno: le erbe spontanee sono falciate e i residui della potatura lasciati nel vigneto per arricchire il terreno di sostanza organica. Con Erabluce di Caluso DOCG, la Campore ridà vita ad un vitigno che qui trova giovinezza e forza espressiva, grazie ad una nuova declinazione di se stesso. Una bollicina complessa e al tempo stesso elegante.
Annata
2017
Bottiglie prodotte
5000
Tipologia
Spumante
Denominazione
Erbaluce di Caluso DOCG
Vitigni
Erbaluce di Caluso
Alcol
12.5°
Affinamento
Acciaio
Temperatura di servizio
10-12°
Abbinamenti consigliati
Questo Metodo Classico è capace di bastarsi da sé ma è in grado anche di accompagnarvi a tutto pasto. Se volete proprio un consiglio, cucinate uno spaghetto quadrato con pomodorini gialli e acciughe del cantabrico. 
Note di degustazione
Perlage fine; al naso è intenso con note di crosta di pane e crema pasticciera. Acido e robusto al palato. Bolla avvolgente e cremosa. 
Prova la Wine Box di Gennaio