Santa Caterina - Produttore selezionato da Winey. Direttamente a casa tua tre bottiglie prodotte da vignaioli autentici.
Noi e i nostri partner utilizziamo i cookie per personalizzare la tua esperienza e per scopi di misurazione e analisi. Utilizzando il nostro sito Web e proseguendo la navigazione di questa pagina accetti l'uso dei cookie come descritto nella nostra Cookie Policy. OK
×
Santa Caterina
Vi presentiamo Andrea Kihlgren: braccia, anima e cervello dell'azienda agricola Santa Caterina. Quando per la prima volta lo abbiamo sentito, era sul suo trattore a lavorare la terra, avremmo potuto risentirci ma ha spento il motore e in un'ora di conversazione ci ha raccontato la sua realtà: "Questa è la mia vita, anche se ci sentiamo più tardi cambia poco, mi trovate sempre qui tra le mie vigne".  


Il suo lavoro agricolo inizia alla fine degli anni ottanta, con i terreni di sua madre e appartenuti da lungo tempo alla sua famiglia, i Picedi Benettini. Un impegno, e diciamo pure un azzardo, per lui che non aveva avuto una formazione agricola. Andrea prese questo impegno certamente per senso di responsabilità nei confronti delle proprietà ereditate, ma anche stimolato da numerose reminiscenze infantili, risalenti a quando da bambino, nei periodi estivi, aveva avuto modo di avvicinare il lavoro in campagna. Un lavoro che aveva conosciuto segnato da fatica, da stenti, da difficoltà, ma che si svolgeva in un mondo ricco di luci, intriso di odori forti, costituito da un’intrinseca ricchezza. E la vita del contadino gli era apparsa come un’avventura quotidiana piena di fascino. Così reimpianta i vigneti a predominanza, chiaramente, di Vermentino, ma anche Albarola, Friulano, Merla, Ciliegiolo, Merlot e Sangiovese, di cui si prende cura con un approccio che potremmo definire olistico.  

"Non mi permetto di dimenticarmi del vino, e se accade sento malessere, ma non ho un'attenzione ossessiva di controllo. Il vino mi sembra che chieda calma, e disposizione d'animo positiva. Mi sottraggo al lavoro in cantina nei giorni che sento una disposizione sbagliata, contrariata. Deve esserci desiderio nell'occuparsi del destino del vino".  Una bella storia di vita, una grande storia d'amore. 

Perché è in Winey? remove
Andrea Khilgren è un uomo tutto d'un pezzo. Un viticoltore riservato, sapiente e sincero. Non ha peli sulla lingua e i suoi vini non sono da meno. Schietti e personali, unici e intrisi di valori. Ci concedete un parallelismo calcistico? Beh, approfittiamo anche dell'omonimia, ci è sembrato di essere davanti a un Andrea Pirlo della viticoltura Ligure. Classe e pacatezza. Voi fatevi trovare sempre pronti come Fabio Grosso in Italia - Germania, Andrea vi sorprenderà con uno dei suoi assist! 
La cantina add
Anno di fondazione
1990
Patron
Andrea Kihlgren
Conduzione enologica
Andrea Kihlgren
Ettari vitati
7
Bottiglie prodotte
25000
Indirizzo
Via Santa Caterina, 6, 19038 Sarzana SP
Email
andrea.kihlgren@gmail.com
Telefono
+390187629429
I vini selezionati
Etichetta Verde 2020
Liguria di Levante IGT
Il Vermentino è senza alcun dubbio l’uva di elezione di questo territorio. Il vino che si ottiene è in genere morbido, delicato e salino. Se la pianta è assecondata nella sua crescita in modo naturale, il vino esprimerà ricchezza minerale e di profumi. La condizione perché esprima questa ricchezza, oltre alla decisiva vicinanza al mare, è che la raccolta avvenga in piena maturazione, quando l’uva diventa croccante e assume una colorazione dorata. E Andrea Khilgren in questo è un maestro. Godete della ricchezza di Etichetta Verde, un bianco (ma non troppo) sapientemente macerato, dal colore ipnotico
Annata
2020
Bottiglie prodotte
5000
Tipologia
Bianco
Denominazione
Liguria di Levante IGT
Vitigni
Vermentino
Alcol
13°
Affinamento
Bottiglia
Temperatura di servizio
15°
Abbinamenti consigliati
Cosa abbinare a Etichetta Verde se non le torte verdi liguri? Sbizzarritevi voi, scegliete tra zucchine, carciofi, spinaci, bietole o ciò che avete nel frigo (di verde, of course :D)
Note di degustazione
Colore ramato e brillante, al naso si esprime con frutta matura e sbuffi iodati, al palato è teso ed energico, di grande incisività.
Giuncàro 2018
Liguria di Levante IGT
Vi sembrerà strano, e pure parecchio, trovarvi davanti a un Friulano Ligure. Quasi un ossimoro, eppure uno straordinario matrimonio. Il Tocai, oggi rinominato appunto Friulano, secondo la memoria locale sembra che si sia insediato in Lunigiana da circa cent'anni. Nei terreni di Santa Caterina c'erano tre piccole vigne con questa uva, ormai malandate. Ma questa piccola tradizione Andrea ha voluto preservarla e farsene testimone. Il risultato? Un bianco pazzesco, dalla grandiosa mineralità e dalla peculiare aromaticità. Slow Wine lo ha inserito tra i TOP WINE del 2020, non a caso. Fatene tesoro!
Annata
2018
Bottiglie prodotte
2600
Tipologia
Bianco
Denominazione
Liguria di Levante IGT
Vitigni
Friulano
Alcol
13.5°
Affinamento
Bottiglia
Temperatura di servizio
15°
Abbinamenti consigliati
Andate in pescheria, portatevi a casa una manciata di acciughe fresche, panatele e friggetele! Sarete invincibili!
Note di degustazione
Colore giallo paglierino carico. Al naso note fresche di frutta a polpa bianca, erbe aromatiche, macchia mediterranea e rimandi a profumi di brezza marina. Il sorso è delicato e marino, minerale e scattante. Lungo nel sorso.
Poggi Alti 2018
Liguria di Levante IGT
Da un vigneto da meno di un ettaro, sulla collina di Santa Caterina nel comune di Sarzana, prende vita Poggi Alti. È soltanto una delle versioni di Vermentino che Andrea Kihlgren si diverte a concepire, ma è forse quella che meglio interpreta la sua filosofia produttiva che subisce una svolta con la vendemmia 2000, quando decide di tornare al passato e vinificare le uve bianche facendo fermentare le bucce assieme al mosto. Una scelta che oggi, a distanza di 20 anni, possiamo definire coerente e vincente. Poggi Alti poi matura in parte in acciaio in parte in grès, per giungere al lungo affinamento in bottiglia.
Annata
2018
Bottiglie prodotte
3700
Tipologia
Bianco
Denominazione
Liguria di Levante IGT
Vitigni
Vermentino
Alcol
13°
Affinamento
24 mesi in bottiglia
Temperatura di servizio
15°
Abbinamenti consigliati
Lo abbiamo chiesto proprio ad Andrea e la risposta ci ha un po' spiazzati: coniglio fritto! Voi provateci e fateci sapere! 
Note di degustazione
Colore giallo paglierino carico. Al naso profumi intensi e ampi, dove riconosciamo la frutta gialla seguita da note floreali e toni agrumati. Al sorso è intenso, avvolgente, morbido, è di grande freschezza.
Prova la Wine Box di Ottobre