I Pentri - Produttore selezionato da Winey. Direttamente a casa tua tre bottiglie prodotte da vignaioli autentici.
Noi e i nostri partner utilizziamo i cookie per personalizzare la tua esperienza e per scopi di misurazione e analisi. Utilizzando il nostro sito Web e proseguendo la navigazione di questa pagina accetti l'uso dei cookie come descritto nella nostra Cookie Policy. OK
×
I Pentri
Affiliato
“I Pentri” è il nome dell’antica tribù sannita che popolava le aree in cui oggi è ubicata l’azienda. Essa comprende dieci ettari di vigneti sparsi sulle colline del Sannio beneventano, tra le alture del Monte Taburno e quelle del Matese sud orientale. La cantina, situata nel comune di Castelvenere, nasce nel 2002 con la speranza di trasmettere le conoscenze e le emozioni acquisite durante 20 anni di esperienze nelle vigne. Anni trascorsi nel rispetto dell’ambiente e nella ricerca di un progetto vitivinicolo mirato esclusivamente a produrre vini di qualità.

Dionisio, Lia e Alessandro oggi gestiscono l’azienda a conduzione familiare, utilizzando solo uve provenienti esclusivamente da vigneti di proprietà. I terreni sono coltivati in modo naturale, con inerbimento spontaneo, senza nessuna concimazione, diserbo e pesticidi, mentre gli unici trattamenti apportati avvengono con rame e zolfo (di cava). Le uve sono raccolte a mano, scelte sulle piante nelle annate difficili, le fermentazioni sono, per i rossi spontanee, per i bianchi attivate con pied de cuve di lieviti indigeni preparate da loro. Sui vini rossi non vengono effettuate filtrazioni, sui bianchi invece una filtrazione sterile, nessuna aggiunta di tannini, gomme arabiche, disacidificanti e nessun tipo di chiarifica. Il vino è accompagnato fino alla bottiglia, dalla cura personale di tutti e tre.

Vorremmo che i nostri vini vi raccontassero la nostra storia, il nostro territorio, la cura personale per ogni fase produttiva, ma soprattutto vorremmo che suscitassero in voi quelle sensazioni, quelle emozioni che fanno del vino una bevanda diversa dalle altre. Lavoreremo per questoRiteniamo importante lo sforzo che da molti anni facciamo impiantando le nostre vigne nei suoli che riteniamo più adatti alle tipologie, senza seguire le esigenze di mercato."

È così che Lia, Dioniosio e Alessandro sintetizzano il loro concetto di viticoltura: naturale, spontaneo e animato da una passione infinita per il territorio a cui appartengono.

Perché è in Winey? remove
Una grande espressione dei vini del Sannio Beneventano. Una filosofia di produzione coraggiosa, di personalità. Una storia di famiglia bella da raccontare e da rivivere in ogni loro calice.
La cantina add
Anno di fondazione
2002
Patron
Lia Falato
Conduzione enologica
Lia Falato
Ettari vitati
11
Bottiglie prodotte
45000
Indirizzo
Via Nazionale Sannitica C/da San Rocco Castelvener
Email
ipentri@gmail.com
Telefono
0824940644
I vini selezionati
Biologico
Naturale
Kerres 2016
Beneventano IGP
Kerres è un Piedirosso in purezza, vitigno a bacca nera autoctono della Campania e conosciuto anche con l'espressione dialettale "per e palummo" che si riferisce ai pedicelli dei chicchi, colorati di rosso come quelli di una zampa di colombo.

I terreni di coltivazione sono argillosi e calcarei e le uve - coerentemente con la filosofia produttiva di Lia, Alessandro e Dionsio - non subiscono nessun trattamento artificiale. La macerazione avviene in acciaio inox mentre la fermentazione in legno è spontanea; prima di poter essere bevuto, Kerres matura un anno in barili di rovere francese e poi affina in bottiglia.

Annata
2016
Bottiglie prodotte
8000
Tipologia
Rosso
Denominazione
Beneventano IGP
Vitigni
Piedirosso
Alcol
13.5°
Affinamento
Rovere francese
Temperatura di servizio
16°
Abbinamenti consigliati
Le carni rosse esaltano questo vino. Noi ve lo proponiamo con  Carne alla pizzaiola, ricetta contesa tra Nord e Sud Italia ma sicuramente molto apprezzata in Campania.
Note di degustazione
Rosso rubino intenso. Al naso ha profumi di viola, fiori secchi, gelsi rossi; al palato è succoso croccante, con note pepate e minerali molto fini
Biologico
Naturale
Pietra della Volpe 2015
Beneventano IGP
Una meravigliosa espressione di Aglianico del beneventano. Pietra della Volpe è un vino dal carattere straordinario e dall'eleganza travolgente. Un aglianico vinificato in purezza da uve che provengono da vigneti centenari allevati con il sistema guyot, raccolte nella terza decade di ottobre con vendemmia manuale. La vinificazione avviene secondo la filosofia della cantina, ovvero nel massimo rispetto per il lavoro della natura. È l'affinamento in legno, nello specifico in barili di rovere francese e poi in bottiglia ha donare a questo vino una finezza unica. Ogni sorso è una carezza per il palato.
Annata
2015
Bottiglie prodotte
3500
Tipologia
Rosso
Denominazione
Beneventano IGP
Vitigni
Aglianico
Alcol
14.5°
Affinamento
Rovere francese
Temperatura di servizio
16
Abbinamenti consigliati
Un vino da apprezzare con piatti molto strutturati. La cacciagione, ad esempio, può essere un ottimo abbinamento per vivere al massimo la degustazione.
Note di degustazione
All'aspetto si presenta con colore rubino brillante; al naso regala profumi di viola e rosa poi sottobosco. Al palato è salino, caldo, carnoso, fresco ,elegante
Biologico
Naturale
Monte Cigno 2020
Bianco Beneventano IGP
Monte Cigno, nel territorio di Cusano Mutri in provincia di Benevento, era l’altura trincerata dei Sanniti-Pentri. Da qui prende il nome questa magistrale Falanghina del Sannio prodotta da Dionisio e Lia. Le uve vengono raccolte nella terza decade di Settembre e sono in grado di produrre un risultato che è - per fortuna - ben lontano da un concetto di Falanghina spesso svilito. "Questo è semplicemente il nostro vino, non vogliamo spogliarlo per renderlo meno impegnativo come a volte il mercato chiede", ci dice Lia. In fondo, se esiste una versione nobile di Falanghina, statene certi, è quella de I Pentri!
Annata
2020
Bottiglie prodotte
5000
Tipologia
Bianco
Denominazione
Bianco Beneventano IGP
Vitigni
Falanghina del Sannio
Alcol
14°
Affinamento
12 mesi in acciaio
Temperatura di servizio
12°
Abbinamenti consigliati
Lia e Dionisio ce lo hanno fatto degustare con un Caciocavallo di breve stagionatura e una focaccia fatta in casa. G-O-D-U-R-I-A!
Note di degustazione
Colore giallo paglierino carico. Al naso è un'esplosione di note floreali e di frutta a polpa bianca, ma anche di erbe aromatiche. Un vino dalla pregevole struttura, ben bilanciato e di grande freschezza.
Prova la Wine Box di Luglio