Marco Cecchini - Produttore selezionato da Winey. Direttamente a casa tua tre bottiglie prodotte da vignaioli autentici.
Noi e i nostri partner utilizziamo i cookie per personalizzare la tua esperienza e per scopi di misurazione e analisi. Utilizzando il nostro sito Web e proseguendo la navigazione di questa pagina accetti l'uso dei cookie come descritto nella nostra Cookie Policy. OK
×
Marco Cecchini
Affiliato
È il 1998, Marco Cecchini si sta laureando in economia dei mercati valutari. Il nonno Alfio è diventato anziano e gli chiede di occuparsi della vendemmia delle quattro vigne anarchiche annesse al deposito di campagna che ha comprato anni addietro. Marco chiama in aiuto quattro amici, si fanno insegnare come fare e portano a casa l’annata. É li che Marco capisce di voler fare quella cosa lì, il vino, il contadino. Finisce in fretta l’università e si trasferisce in campagna. Inizia a trasformare il deposito in una casa e la selva di rovi sulla collina in una vigna vera. Impiega tre stagioni e due ernie. Studia e sperimenta, per anni. Trova la sua misura: cinque ettari a conduzione biologica.

Marco è un Vignaiolo Indipendente, fa tutto a mano, vite per vite, cinque passaggi l’anno per ciascuna, usa solo zolfo e rame. Cura al meglio l’uva per intervenire il meno possibile sul vino e gestisce la cantina con minuziosità per fare di quell’uva un vino buonissimo. Durante la vendemmia diventano una squadra: oltre ad alcuni tra gli stessi amici della prima volta, da qualche anno lo aiutano un gruppo di richiedenti asilo, grazie alla collaborazione con una onlus locale, e la moglie Paola, che dà una mano anche con l’accoglienza in azienda. Inoltre ospitano le arnie di una coppia di bravissimi apicoltori: la salute delle loro api è specchio della salute delle loro vigne.
Perché è in Winey? remove
Marco ha un entusiasmo contagioso. Lo spirito da leader e l'umiltà da gregario ci hanno stregati prima ancora dei suoi grandi vini. Incarna perfettamente il tipo di vigneron di cui il mondo del vino italiano ha un disperato bisogno!
La cantina add
Anno di fondazione
1998
Patron
Marco Cecchini
Conduzione enologica
Marco Cecchini
Ettari vitati
5
Bottiglie prodotte
20000
Indirizzo
Via Case Cos, 39 Faedis (UD)
Email
info@cecchinimarco.com
Telefono
I vini selezionati
Friulano 2018
Friuli Colli Orientali BIO
Prima si chiamava Tocai. Poi, per uno strano caso di omonimia con il Tokaj Ungherese, dal 2007 il vitigno a bacca bianca tipico di questa regione ha preso il nome, semplicemente, di Friulano. E quello che produce Marco Cecchini è assoluta espressione della maestria che un artigiano di questi luoghi può infondere in una bottiglia. Da quando il suo è diventato ufficialmente un vino BIO, Marco ha abbandonato anche il nome di fantasia (Tovè) per portare avanti quello del vitigno più rappresentativo del Friuli.
Annata
2018
Bottiglie prodotte
6000
Tipologia
Bianco
Denominazione
Friuli Colli Orientali BIO
Vitigni
Tocai Friulano 100%
Alcol
13.5°
Affinamento
70% Acciaio e 30% Legno
Note di degustazione
Colore giallo paglierino. Al naso fiori di acacia e sambuco ed erbe aromatiche mediterranee. Al palato morbidezza e una calma acidità.
Refosco 2016
Friuli Colli Orientali
Il Refosco accompagna il percorso di Marco Cecchini ormai dal 2001, anno della prima vinificazione. É un vitigno che i friulani hanno riscoperto solo da poco tempo, accorgendosi che può reggere il confronto senza remore con altre più blasonate varietà italiane. Dei 5 diversi cloni di Refosco presenti in Friuli, quello dal peduncolo rosso, il cui nome prende dal colore del pedicello al momento della vendemmia, è quello che può dare vita a grandi vini perché la sua bacca è medio piccola e la materia nobile è sulla buccia.
Annata
2016
Bottiglie prodotte
4000
Tipologia
Rosso
Denominazione
Friuli Colli Orientali
Vitigni
Refosco del Peduncolo Rosso
Alcol
13°
Affinamento
14-16 mesi di Barrique usate
Note di degustazione
Rosso rubino intenso, sentori di prugne mature, more selvatiche e note speziate. Al palato il tannino è vibrante ma setoso allo stesso tempo.
Picolit
Friuli Colli Orientali DOCG
Che storia, il Picolit! Un vino le cui prime tracce risalgono al 1755 quando veniva venduto in tutta Europa su tavole di Imperatori e Nobili. Oggi solo pochissimi viticoltori nostalgici, tra cui Marco Cecchini, coltivano ancora queste uve. Marco ne produce solo 100 bottiglie l'anno data l’avarizia produttiva di questo vitigno dovuta all’aborto floreale. Ma l'incredibile ricchezza dei grappoli che vengono fatti surmaturare al sole di Settembre e Ottobre e poi passiti rende il Picolit un vero tesoro. Questo vino è gioia!
Annata
2017
Bottiglie prodotte
100
Tipologia
Passito
Denominazione
Friuli Colli Orientali DOCG
Vitigni
Picolit
Alcol
13°
Affinamento
Acciaio
Note di degustazione
Colore Dorato. Al naso note che vanno dal miele alla mandorla, passando per tonalità candite di agrume e albicocca. Al palato estremo equilibrio fra dolcezza e freschezza.
Prova la Wine Box di Ottobre