Ecco le Wine Box del mese di Aprile 2021 firmate Winey. Direttamente a casa tua tre bottiglie prodotte da vignaioli autentici.
Noi e i nostri partner utilizziamo i cookie per personalizzare la tua esperienza e per scopi di misurazione e analisi. Utilizzando il nostro sito Web e proseguendo la navigazione di questa pagina accetti l'uso dei cookie come descritto nella nostra Cookie Policy. OK
×
Le Wine Box di Aprile 2021
L'Emilia Romagna: dove il vino si mangia
La tappa di Aprile è stata una tappa gioiosa, colorata, artistica e anche un po’ spumeggiante. A renderla frizzante più che mai è stato un talento della biodinamica, Gianluca Bergianti, con i suoi lambruschi dal grande valore enologico, sociale e artistico. A creare l’atmosfera mistica, invece, c’hanno pensato i vini di Filippo Manetti, non solo un vigneron ma un uomo di cultura, anzi un gentiluomo prestato alla natura. Infine Tenuta La Viola della splendida famiglia Gabellini, poeticamente concentrata sulle varietà autoctone romagnole come l’Albana che coltiva rigorosamente in regime biologico. 

Cosa vi siete persi? Eccoli qui, vini e vigneron delle Wine Box Basic, Premium e Gold!
I vini del mese
Biologico
Campiume 2017
Ravenna Sangiovese IGT
Campiume è il nome della località dove si trovano le vigne di Sangiovese da cui nasce questo vino. Un luogo storico dove si trova la chiesa della parrocchia di San Lorenzo in Campiume e che consente alle uve di crescere in una atmosfera mistica. Possiamo dire senza troppi dubbi, che Campiume è - insieme forse ad Oudeis - il vino che più rappresenta la filosofia di Filippo Manetti. Estrema attenzione in vigna, raccolto iper-selettivo, pochissime bottiglie (solo 1.300). Il risultato? Un'etichetta che potete conservare per anni tanto è grande il potenziale di invecchiamento capace di esprimere. 
Annata
2017
Bottiglie prodotte
1300
Tipologia
Rosso
Denominazione
Ravenna Sangiovese IGT
Vitigni
Sangiovese 100%
Alcol
12.5°
Affinamento
24 mesi in Botti da 500 Lt
Temperatura di servizio
16°
Abbinamenti consigliati
Svegliatevi una domenica mattina e mettetevi subito all'opera per preparare un piatto tipico della tradizione romagnola: i cappelletti. Se vi va invitateci, non ci offendiamo :)
Note di degustazione
Colore rosso rubino tendente al granato, al naso sentori di piccoli frutti rossi e fiori appassiti con leggere note speziate. Al palato ha tannini ben presenti che offrono un sorso asciutto e piacevolmente astringente con un finale di frutta e spezie dolci.
Biodinamico
Naturale
San Vincent 2019
Rosato Frizzante
È stato un viaggio nella terra dello Champagne a ispirare questo vino. Gianluca si trovava lì proprio durante i festeggiamenti dedicati a San Vincent, il santo protettore delle vigne e dei vignaioli. D'altronde i riferimentati in bottiglia come questo, seguono una vinificazione che non si allontana troppo da quella dei metodo champenoise. San Vincent viene definito "lampone salato" (ve ne accorgerete anche voi) ed è la bottiglia preferita in assoluto da Gianluca Bergianti: "Perchè il Sorbara è l'uva che adoro. È elegante, potente e complesso. Si lascia scoprire poco alla volta". Etichetta realizzata da Marino Neri
Annata
2019
Bottiglie prodotte
5000
Tipologia
Frizzante
Denominazione
Rosato Frizzante
Vitigni
Lambrusco di Sorbara
Alcol
11.8°
Affinamento
Cemento
Temperatura di servizio
10°
Abbinamenti consigliati
Che ne dite di preparare gli gnocchi fritti alla modenese? Da accompagnare ovviamente ai salumi che preferite, Mortadella su tutti!
Note di degustazione
Colore rosato brillante. La spuma è fine. È delicato e si esprime con note di lampone, di erbe aromatiche e cenni di sale marino. Al palato si presenta teso, vivace e succoso.
Biologico
InTerra Bianco 2019
Romagna Albana Secco DOCG
A volte ci si rende conto di avere davanti un fuoriclasse del vino prima di berlo o di annusarlo, ma comprendendo la sua storia. E' il caso di InTerra Bianco che nasce nel 2015 dopo alcuni vari anni di studio sulle vinificazioni in anfora. Infatti, è tramite un progetto romagnolo, chiamato "AN so miga fora" (letteralmente "non sono mica pazzo!), che la famiglia Gabellini ha avuto la possibilità di imparare la vinificazione in anfora direttamente da produttori di origine Georgiana. Nasce così un vino ancestrale, strettamente legato con il territorio e con le sfaccettature di un grande vitigno, l'Albana.
Annata
2019
Bottiglie prodotte
1500
Tipologia
Bianco
Denominazione
Romagna Albana Secco DOCG
Vitigni
Albana
Alcol
13.5°
Affinamento
Anfora
Temperatura di servizio
13°-15°
Abbinamenti consigliati
Non si può passare per la Romagna senza godersi una meravigliosa piada con salumi e formaggi. Questa è l'occasione giusta per godervi InTerra, un vino complesso ma che sta benissimo anche su pasti molto semplici e territoriali.
Note di degustazione
InTerra è un vino ancestrale, in cui la macerazione è bene presente ma non va a sovrastare la freschezza e la sapidità del vino. Salmastre, balsamico e con sentori tannici.
Prova la Wine Box di Ottobre